Home Approfondimenti Politica Venatoria Enalcaccia Arezzo: Modalità di rinnovo e di rilascio delle autorizzazione per appostamenti fissi di caccia anno 2014 - (07/02/2014)
Enalcaccia Arezzo: Modalità di rinnovo e di rilascio delle autorizzazione per appostamenti fissi di caccia anno 2014 - (07/02/2014) PDF  | Stampa |  E-mail
EnalCaccia-Nazionale Regione Toscana
 
Enalcaccia Arezzo: Modalità di rinnovo e di rilascio delle autorizzazione per appostamenti fissi di caccia anno 2014 - (07/02/2014)
 
 
 
Con la presente siamo  ad informare quanti in indirizzo che, in base alla normativa regionale vigente, tutti  i titolare di  appostamento fisso  di  caccia, dal  1° al  28 febbraio 2014, dovranno  provvedere alla conferma annuale dell' autorizzazione per l' appostamento fisso  di  caccia.

Pertanto, gli interessati dovranno far pervenire alla Provincia di Arezzo - p.za Libertà 3, 52100 Arezzo - entro la data indicata, il consenso  del  proprietario  e del conduttore del terreno firmato in originale e l' attestazione del  pagamento della tassa di  concessione regionale  sul ccp n. 109504 di  euro  56,00 (da pagare anche per ciascuno  degli  eventuali  capanni complementari).

Si ricorda inoltre che, i titolari  di  autorizzazione per appostamento fisso in scadenza 31.01.2014, dovranno far pervenire alla Provincia, oltre alla documentazione di cui sopra, sempre nelle stesso periodo, anche una marca da bollo da euro 16,00, che sarà applicata all' autorizzazione rilasciata in via definitiva.

Si fa inoltre presente che i titolari  di nuovi appostamenti fissi, coloro  che già titolari di appostamento intendono spostarne la collocazione e chi trasferisce l'appostamento  già autorizzato  da altra persona, in base al  regolamento provinciale vigente, dovrà fornire alla Provincia di Arezzo, nel  modulo appositamente predisposto, le coordinate geografiche esatte rilevate con strumentazione GPS con il sistema GAUSS-BOAGA.

Inoltre, invito  nuovamente i titolari  di  appostamento  fisso  che hanno  manufatti diversi da impianti  in tubolare che non comportino volumetrie,  costruzioni in legno, materiali  leggeri o tradizionali tipici  della zona, privi  di  opere di  fondazione, a regolarizzare il tutto con apposito progetto  SCIA presso il comune competente o a demolire entro  il 28 febbraio  p.v. le opere considerate non regolari ai  sensi  della normativa vigente.

Confidando  nella divulgazione di  quanto  nella presente contenuto, colgo  l' occasione per porgere cordiali  saluti.

Il Presidente Provinciale
f.to Iacopo Piantini 
 
Enalcaccia Nazionale