Home
RICHIESTA DI ADEGUATA RICOLLOCAZIONE DEI GG.VV. E POLIZIA PROVINCIALE PER SOPPRESSIONE PROVINCE - (30/01/2015) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Presidenza Nazionale
EnalCaccia-Nazionale Regione Toscana


RICHIESTA DI ADEGUATA RICOLLOCAZIONE DEI GG.VV. E
POLIZIA PROVINCIALE PER SOPPRESSIONE PROVINCE (30/01/2015)


Lettera del Delegato Regionale TOSCANA - (01/01/2015) | Visualizza

Lettera del Presidente CARDIA al Presidente del Consiglio RENZI - (30/01/2015) | Visualizza

 
ACCERTAMENTO DEI REQUISITI PSICO-FISICI PER IL RILASCIO DEL PORTO D’ARMI - (28/01/2015) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Presidenza Nazionale
EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
ACCERTAMENTO DEI REQUISITI PSICO-FISICI PER IL RILASCIO DEL PORTO D’ARMI - (28/01/2015)
RICHIESTA DI PARERE
 
 
Si ritiene utile ed opportuno pubblicare il parere da noi recentemente reso, in ordine a quanto specificato in oggetto, alla Delegazione Regionale ENALCACCIA P.T. del PIEMONTE.
Ci eravamo ripromessi di contattare i competenti organi del Ministero dell’Interno per definire la materia.
Siamo perciò lieti di pubblicare di seguito anche il decreto del Ministero dell’Interno n. 559/274 con il quale esso sospende la precedente direttiva (del 28 Novembre 2014) che vietava ai “singoli” medici della Polizia di Stato il rilascio di certificati medici di idoneità.
Pertanto in atto gli stessi possono rilasciare i certificati in questione e ciò fino a quando il TAR del LAZIO non avrà deciso sul ricorso contro il D.M. 1998 del Ministero della Sanità il cui art. 3 appunto dispone in merito.

Lettera del Presidente Nazionale Lamberto Cardia - (26/01/2015) | Visualizza

 
PROGETTI PER AMBIENTE, LEGALITA’, LAVORO - (27/01/2015) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Presidenza Nazionale
EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
  
PROGETTI PER AMBIENTE, LEGALITA’, LAVORO - (27/01/2015)

 
 
Mercoledì 21 Gennaio 2015, nella “Sala del Cenacolo” presso la Camera dei Deputati, su iniziativa promossa da Federparchi - Europarc Italia, le Università degli Studi di Milano, Napoli, Pollenzo e Urbino, alcune Associazioni Venatorie e CNCN, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, ha avuto luogo la presentazione di cinque progetti per una nuova qualità della vita aventi specifiche caratteristiche influenti su “Ambiente, Legalità, Lavoro”.
Oltre le rappresentanze istituzionali si è avuta la presenza di docenti universitari, dei rappresentanti delle Associazioni Venatorie Nazionali e di quelle Ambientaliste, e di molte altre categorie. Grave l’assenza del Ministro dell’Agricoltura.

Maurizio Zipponi, quale coordinatore del Gruppo di Lavoro, introducendo le relazioni programmate a seguire, ha sottolineato la necessità di una collaborazione tra agricoltori-ambientalisti-cacciatori, quale rapporto indispensabile tra “componenti ambientali” per realizzare progetti riguardanti patrimoni naturali.
Ha proposto di mettere insieme e porre in essere attività tra il Ministero dell’Ambiente ed il Ministero dello Sviluppo Economico, ritenendo sussistere ampia compatibilità ambientale con l’attività venatoria, anche con finalità di sviluppo economico. Necessita infatti dare valore economico alla fauna.
Concludendo il suo intervento, ha auspicato che dopo venti anni di contrasti occorre collaborare e che non si può andare avanti da soli, definendo altresì i cacciatori “sentinelle del territorio”.

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha esordito con l’invito ad essere “tutti uniti” in quanto non ci possiamo permettere di avere nemici.
Ha quindi affermato che i cacciatori, anche con riferimento alle tematiche progettuali, possono avere un ruolo importante. Occorre cambiare quel “concetto” che si ha del Ministero dell’Ambiente, così come la cultura ambientalista del “NO” deve cambiare del tutto.
Ha condiviso la proposta di collaborazione tra il Ministero dell’Ambiente  e quello dello Sviluppo Economico, auspicando un rapporto solido non solo fra i due Ministeri ma anche con le Associazioni ed Imprese interessate.
Il Ministro Galletti ha infine annunciato di voler inserire i “temi ambientali” nelle scuole, quale progetto principale per fare rispettare l’ambiente.
Leggi tutto...
 
BLOCCO ALLA CACCIA DI ALCUNE SPECIE DI UCCELLI SELVATICI - (20/01/2015) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Caccia
EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
 
 
 
 
 
Pubblichiamo di seguito la decisione del Consiglio dei Ministri con la quale da oggi è vietata la caccia a: Tordo bottaccio, Cesena e Beccaccia in tutto il territorio nazionale.

La decisione, invero autoritaria, è stata presa senza una previa consultazione con le parti sociali interessate e cede alla pressione degli ambientalisti che sistematicamente utilizzano ogni mezzo per combattere la caccia.   L’autoritarismo deriva dall’utilizzo dell’art. 8 della Legge n. 131/2003 (potere sostitutivo) che nel caso di specie andava diversamente valutato, tenuto conto che i calendari venatori vengono emanati in ossequio alla normativa prevista dalla Legge 157/92 e tenuto altresì conto “delle competenze in materia di caccia”.
 
 
BLOCCO ALLA CACCIA DI ALCUNE SPECIE DI UCCELLI SELVATICI - (20/01/2015)

Da oggi non sarà più possibile cacciare il tordo bottaccio, la cesena e la beccaccia in tutto il territorio nazionale. La Commissione europea ha infatti contestato la violazione della direttiva 2009/147/CE in materia di conservazione degli uccelli selvatici, che vieta la caccia nei periodi di nidificazione e riproduzione. Tenuto conto che già nella seconda decade di gennaio è in corso la cosiddetta “migrazione pre-nuziale” che precede la nidificazione e considerato che in numerose regioni italiane risulta a tutt’oggi possibile cacciare queste specie migratrici fino al 31 gennaio, il Ministero dell’ambiente ha già da tempo sollecitato le regioni ad adeguarsi i tempi richiesti dall’Unione europea ma non tutte le regioni hanno dato seguito al sollecito. Per questo motivo , su proposta del Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, il Consiglio dei Ministri ha deliberato l’esercizio del potere sostitutivo previsto dall’articolo 8, comma 4, della legge 5 giugno 2003, n. 131, nei confronti delle regioni Liguria, Toscana, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Marche, disponendo la modifica del calendario venatorio e la chiusura della caccia per le specie tordo bottaccio, cesena e beccaccia a partire dal 20 gennaio 2015. 

 
Lettera aperta alla LIPU - (16/01/2015) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Caccia
Logo AIW








Lettera aperta alla LIPU - (16/01/2015)

CONTRIBUTO AL DIBATTITO SULLA CACCIA.

Lettera aperta alla LIPU - (16/01/2015) | Visualizza

 
Scadenze per i cacciatori che utilizzano ricetrasmittenti ed apparati non LPD - (10/01/2015) PDF Stampa E-mail
Normative - Normative Nazionali
EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
Scadenze per i cacciatori che utilizzano ricetrasmittenti ed apparati non LPD - (10/01/2015)
 
 
 
Come notizia di servizio potrebbe essere utile pubblicare la nota che trasmetto.
Molti non conoscono la situazione e molti si dimenticano dell'obbligo.
Un cordiale saluto a tutti.

          S. Diano dalla Sezione Provinciale di Aosta

Comunicato di Servizio - Scadenze - (10/01/2015) | Visualizza

Tipologie Apparati - Versamenti - Dichiarazione - (10/01/2015) | Visualizza

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 89
TEOBIT Multimedia