Home Approfondimenti News Toscana CACCIA: PICCOLA SELVAGGINA A RISCHIO ESTINZIONE IN LUNIGIANA, AREE "SPECIALI" PER ALLEVARE PERNICI, FAGIANI E LEPRI - (05/03/2013)
CACCIA: PICCOLA SELVAGGINA A RISCHIO ESTINZIONE IN LUNIGIANA, AREE "SPECIALI" PER ALLEVARE PERNICI, FAGIANI E LEPRI - (05/03/2013) PDF  | Stampa |  E-mail
ATC MSI3 Regione Toscana
Provincia di Massa Carrara
AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA MS 13 (www.atcms13.it)
CACCIA: PICCOLA SELVAGGINA A RISCHIO ESTINZIONE IN LUNIGIANA, AREE "SPECIALI" PER ALLEVARE PERNICI, FAGIANI E LEPRI - (05/03/2013)

Dal convegno promosso dal Comitato di Gestione Atc 13 di Massa Carrara la proposta di creare delle Aree di Razionalizzazione Prelievo Venatorio e le zone di particolare pregio. Individuate 9 potenziali aree per intraprendere un percorso di gestione "diverso".

L'obiettivo: trovare le condizioni e gli habitat adatti per immettere la piccola selvaggina stanziale.
 
Dalla teoria alla pratica: dibattito aperto nel mondo venatorio.

Aree a razionalizzazione prelievo venatorio: il dibattito è aperto. Dopo studi sugli habitat, censimenti puntuali ed avanzati, approfondimenti ed analisi ambientali l'Ambito Territoriale di Caccia 13 propone la creazione di apposite aree a prelievo razionale per favorire la riproduzione delle specie autoctone e per razionalizzare i prelievi durante il periodo di apertura della caccia. Passa dalle Aree a razionalizzazione venatorio il futuro della caccia alla lepre, alle pernici e ai fagiani, in generale alla piccola stanziale, specie che nel frattempo sono scomparse dai territorio e che l'Atc 13 è "costretta" ogni stagione ad immettere per consentire agli iscritti il prelievo venatorio.

Iniziato nel 2009 e finanziato dai Piani Finalizzati della Provincia di Massa Carrara, la presentazione dei risultati, alcuni stupefacenti, è stata affidata all'affollatissimo convegno "La Nuova Frontiera della Gestione" che si è tenuto sabato 2 marzo nella sala conferenze del Castello di Terrarossa, a Licciana Nardi. Al convegno sono intervenuti l'Assessore al Comune di Licciana Nardi, Pietro Benetti ed il Dirigente al Settore Pianificazione Rurale e Forestale della Provincia di Massa Carrara, Gianluca Barbieri. Moderatore della giornata Roberto Verzanini. Nove le "ipotetiche" aree individuate (Amola, Antona, Arlia, Casola, Logarghena, Magra, Molinatico, Olivola, Zeri) che hanno dimostrato,dopo attente valutazioni, parametri soddisfacenti e condizioni adatte per iniziare un percorso di "sperimentazione" anche in prospettiva della politica di tagli che inevitabilmente ricadrà anche sulla gestione venatoria in Toscana.

Ad incidere pesantemente sulla scomparsa progressiva e lenta della piccola selvaggina stazionale sono i fattori ambientali come la drastica scomparsa della superficie agricola che ha lasciato posto all'espansione incontrollata del bosco, un habitat non congeniale per lepri, fagiani e pernici che hanno bisogno di grandi spazi aperti. Ma ad incidere sono anche i cambiamenti climatici, l'impatto della predazione e del prelievo venatorio. "La grande sfida è riportare la selvaggina nobile stanziale nei nostri territori e per farlo - ha spiegato Johnny Fiorentini, membro del Comitato di Gestione presentando le motivazioni che hanno spinto l'Atc 13 ad approfondire uno studio sulle aree a prelievo razionalizzato - serve una gestione diversa. L'individuazione di aree che per caratteristiche ambientali sono più adatte alla sopravvivenza della piccola selvaggina stanziale sono una opzione che non possiamo più scartare". Il progetto delle Aree a razionalizzazione prelievo venatorio prevede la "circoscrizione" di alcune aree che per particolari condizioni favoriscono la proliferazione di alcune specie (in questo caso la piccola selvaggina stanziale) in modo del tutto autonomo e naturale.

A prevedere la possibilità di istituire queste zone è la normativa regione che da la possibilità alle Atc di prevedere "eventuali limitazioni ed azioni di razionalizzazione del prelievo venatorio per forme di caccia specifiche". Questo non significa che non si potrà cacciare all'interno di queste aree ma che il prelievo sarà controllato.

All'interno di queste aree ha spiegato Umberto Cavini, tecnico faunistico "è possibile sperimentare tecniche di immissione e tecniche di gestione innovative come misurare il prelievo in base alla popolazione presente, attivare azioni di miglioramento ambientale e contenere le specie antagoniste in maniera efficace.

La Lunigiana - ha esordito - ha un habitat favorevole per il cinghiale, ma non per la piccola selvaggina stanziale". Gli studi condotti dall'agronomo Stefano Ulivi e dal tecnico Paolo Bongi consentono ora all'Atc 13 di passare "dalla teoria alla pratica".

Si apre ora una delicata fase di dibattito nel mondo venatorio e della gestione faunistica: "Le Aree a razionalizzazione prelievo venatorio sono un'opportunità per il sistema di gestione faunistico del territorio".

www.atcms13.it
 
Enalcaccia Nazionale