Presidenza Nazionale (172)

EnalCaccia-Nazionale

 

  Lettere della Presidenza Nazionale ad Enti, Associazioni, Istituzioni.

 

Associazioni Caccia
 
 
Comunicato stampa su ritiro emendamento modifica 157 - (21/12/2017)


PRETENDERE UNA LEGGE SULLA GESTIONE FAUNISTICA BASATA SUI FATTI E
DEGNA DI UN PAESE EUROPEO NON È CACCIA SELVAGGIA

Con le elezioni 2018 in Italia tornano a parlare i Verdi. La cosa che più tristemente ci rammarica è che i partiti diano ascolto a voci che i cittadini hanno più volte bocciato in passato, relegandoli in percentuali dello “0,..” perché mai hanno creduto a partiti monotematici, basati solo sull’ideologia, la creazione di problematiche inesistenti e la falsificazione della realtà. Anche in questa occasione, spingendo per il ritiro di un emendamento di riforma alla legge sulla caccia 157/92, di fronte a una esigenza di pubblica sicurezza e del mondo agricolo in difficoltà per un sempre più evidente squilibrio faunistico e di fronte alla necessità di un aggiornamento della normativa per meglio contrastare il fenomeno del proliferare di specie dannose, i Verdi gioiscono dell’incapacità del Governo di affrontare il problema.

...

Comunicato Stampa - (21/12/2017) | Visualizza

Testo emendamento proposto - (21/12/2017) | Visualizza

Associazioni Caccia
 
 
Il mondo venatorio scrive alla politica - (20/12/2017)


Dando seguito a quanto annunciato nel comunicato del 6 dicembre, le Associazioni venatorie riconosciute ANLC, ANUUMigratoristi, Arci Caccia, Enalcaccia, Federcaccia, Italcaccia e il CNCN si sono rivolte nei giorni scorsi ai leader dei principali partiti politici per tornare a denunciare i contenuti faziosi e diffamatori della trasmissione “Indovina chi viene dopo cena” andata in onda su Rai Tre il 4 dicembre, tutta tesa a colpire la caccia, che è invece un’attività indispensabile per la gestione della fauna selvatica e la tutela delle colture agricole, oggi e per il futuro.

...

Lettera dei Presidenti delle Associazioni Venatorie riconosciute - (20/12/2017) | Visualizza

EnalCaccia-Nazionale Regione Lombardia

C O M U N I C A T O - (10/08/2017)




Il giorno 31 luglio 2017 si è tenuta a Milano una riunione presieduta dal Presidente della Regione Lombardia, Roberto MARONI, con la partecipazione degli Assessori regionali Giovanni FAVA (Agricoltura) e Viviana BECCALOSSI (Territorio), dell’On. Lara COMI e di altri Parlamentari europei, nonché dei rappresentanti delle principali Associazioni venatorie presenti nella Regione. Ha partecipato per l’ENALCACCIA il Presidente nazionale, Avv. Lamberto CARDIA.

Tale incontro era stato peraltro anche sollecitato, personalmente e fermamente, dallo stesso CARDIA al Presidente MARONI, in occasione della riunione presso la Corte dei Conti per la parificazione del bilancio regionale.

La riunione ha avuto per oggetto i seguenti argomenti:
- caccia o prelievo in regime di deroga;
- impianti di cattura (“Roccoli”);
- operare dell’ISPRA attraverso pareri obbligatori che di fatto vengono considerati vincolanti

Nel corso della riunione sono state illustrate, con ricchezza di argomenti, le ragioni che da molti secoli rendono la caccia in deroga alla selvaggina minuta e l’utilizzo dei “Roccoli” una componente caratteristica della storia e della tradizione venatoria della Lombardia. È stato quindi chiesto ai Responsabili della Regione l’adozione di una delibera di Giunta che consenta, con modalità e in tempi prestabiliti, il prelievo in deroga delle specie fringuello e peppola ed il riavvio dell’operatività dei “Roccoli”, non ravvisandosi, né nella normativa nazionale, né in quella europea, alcun ostacolo al riguardo, nonostante il parere, peraltro obbligatorio, ma non vincolante, reso dall’ISPRA.

A quest’ultimo proposito CARDIA ha fermamente contestato il sistema di considerare i pareri obbligatori come vincolanti richiamando il dettato normativo in base al quale un parere obbligatorio deve essere necessariamente richiesto, ma non vincola in alcun modo il destinatario dello stesso che, con legittime e adeguate motivazioni, può disporre anche in maniera difforme.

A conclusione della lunga riunione e delle argomentate richieste dei rappresentanti delle AA.VV. si è concluso che il Presidente della Regione, eventualmente anche accompagnato da altri Presidenti delle Regioni del nord Italia, chieda di essere ricevuto dal Ministro GALLETTI per esporre le problematiche esistenti e le ipotesi di soluzione riguardanti la caccia in deroga, i roccoli e, in particolare, gli effetti negativi dei pareri obbligatori (non vincolanti) dell’ISPRA.

Da parte loro, l’On. COMI e gli On.li Parlamentari europei chiederanno un intervento chiarificatore e propositivo in sede europea.

Al termine della riunione CARDIA e gli altri presenti hanno vivamente ringraziato il Presidente della Regione, i Parlamentari europei e gli Assessori per l’attivo operare e per la disponibilità sempre dimostrata a tutela dell’attività venatoria.

Roma, 7 agosto 2017

EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
ASSEMBLEA NAZIONALE DEL 24-25 GIUGNO 2017
CONSIGLIO NAZIONALE DEL 25 GIUGNO 2017
CHIANCIANO TERME (SI)
 
 
ESITI DELLE VOTAZIONI PER LA ELEZIONE DEGLI ORGANI CENTRALI DELL’UNIONE
 

Esiti delle Votazioni - (26/06/2017) | Visualizza

 
Enalcaccia Nazionale
 
EnalCaccia-Nazionale Italia e Regioni
 
 
CONSIDERAZIONI SVOLTE IN MATERIA DI USO
DEL COLLARE ELETTRICO - (31/05/2017)
 
 
 
 
DICHIARAZIONI da parte del Soggetto sanzionato da inserire o allegare nel verbale di accertamento e trasgressione ai sensi dell’art. 14 della Legge n. 689/1981.

Modello da utilizzare in caso di contestazione - (31/05/2017) | Visualizza