Home Approfondimenti News Friuli Venezia Giulia Friuli: “Cani da caccia scambiati per randagi. serve ordine per evitare multe assurde” - (10/03/2014)
Friuli: “Cani da caccia scambiati per randagi. serve ordine per evitare multe assurde” - (10/03/2014) PDF  | Stampa |  E-mail
La Dea della Caccia.it Regione Friuli Venezia Giulia
 
 
 
Friuli: “Cani da caccia scambiati per randagi. serve ordine per evitare multe assurde” - (10/03/2014)

Raffiche di multe assurde e illogiche per i cacciatori segugisti. 

La ragione? I cani, sciolti per stanare la selvaggina, vengono scambiati per randagi, e partono sanzioni amministrative per le doppiette, cui vengono addebitate il costo della chiamata, la lettura del microchip, della cattura e del mantenimento del cane in canile. 

E anche in caso di contestazione, i cacciatori devono sobbarcarsi i costi e le incombenze della pratica. 

“Chiedo a regione e Provincia di mettere fine a questo equivoco”. Così il consigliere regionale Mara Piccin, con un’interrogazione ad hoc, invita la Regione a “predisporre regolamenti o azioni che facciano finalmente chiarezza”. 

Piccin ricorda che “tutti i cani da seguita, per poter essere usati dai cacciatori nel prelievo degli ungulati, devono ottenere un’abilitazione rilasciata dalla Provincia di competenza che ne attesti le attitudini e la correttezza per tale uso, nonché l’ubbidienza nei confronti del conduttore. 

E’ chiaro, quindi, che il segugista esercita l’attività venatoria solo quando ottiene tutte le abilitazioni della Provincia, per cui, chi è in regola, non può essere costretto a difendersi da accuse, fatte spesso in buona fede, ma che non hanno ragione di esistere”. 

(Il presidente della Pro segugio regionale, Sandro Levan)

 
Enalcaccia Nazionale