Home Approfondimenti News Toscana Emergenza ungulati e predatori, CIA: petizione in tutta la Toscana - (29/01/2014)
Emergenza ungulati e predatori, CIA: petizione in tutta la Toscana - (29/01/2014) PDF  | Stampa |  E-mail
Pronto Consumatore.it
Regione Toscana
 
 
 
Emergenza ungulati e predatori, CIA: petizione in tutta la Toscana - (29/01/2014)

Approvata all'unanimità da tutte le Assemblee delle Cia provinciali della Toscana - e da migliaia di delegati - la petizione lanciata dalla Cia Toscana rivolta alle istituzioni per sollecitare interventi urgenti ed efficaci contro l'allarme ungulati e predatori.

"La gravità della situazione, ovvero una presenza insostenibile di ungulati e predatori -sottolinea il presidente Cia Toscana Giordano Pascucci- è riconosciuta a partire dalle istituzioni locali e regionali, ma dobbiamo constatare, ed è ancora più preoccupante, l'attuale stato diffuso di inerzia. La situazione è da tempo fuori controllo, lanciamo un appello alle istituzioni, agli atc, alle associazioni ambientaliste, alle associazioni venatorie, a tutte le forze politiche, sindacali, imprenditoriali e sociali, ai cittadini che hanno a cuore l'agricoltura. Chiediamo l'immediata convocazione dei consigli comunali, provinciali e regionale per affrontare l'emergenza faunistica. Senza risposte esausitive non escludiamo di rafforzare la mobilitazione".

Gli agricoltori toscani, non possono più aspettare e chiedono interventi risolutivi a quella che ormai rappresenta una vera e propria piaga economica per il settore rurale. "E' urgente difendere il reddito degli agricoltori -aggiunge Pascucci-, messo a rischio da ungulati e predatori; l'agricoltura, l'ambiente ed il paesaggio dalla catastrofe; le imprese ed i consumatori tutelando la produzione agricola; il diritto di tutti ad un agro-eco-sistema equilibrato che tuteli la biodiversità".
 
I numeri - Dal Duemila ad oggi cinghiali e caprioli in Toscana sono raddoppiati. Si contano in Toscana oltre 400.000 ungulati -afferma la Cia- ed un numero crescente di predatori, che impediscono agli agricoltori di produrre, danneggiano i boschi e l'ambiente, provocano incidenti alle popolazioni. La densità dei cinghiali è ormai a livelli spaventosi: per ogni 100 ettari di territorio ci sono in Toscana almeno 20 cinghiali, mentre il Piano faunistico Regionale prevede 0,5-5 capi ogni 100 ettari. All'enorme numero di cinghiali si aggiunge un numero quasi uguale di caprioli, in costante aumento. Per ogni agricoltore ci sono ormai 5 capi ungulati, un carico quasi raddoppiato in cinque anni. 10 milioni di euro di danni produttivi sono stati accertati dagli ATC negli ultimi 5 anni, ma i danni economici ed imprenditoriali sono in realtà assai superiori.

La Cia Toscana chiede subito il risarcimento totale dei danni diretti ed indiretti causati da ungulati e predatori. Inoltre -aggiunge Pascucci- "un'azione decisa per attuare entro il  2014 gli obiettivi del Piano Faunistico Regionale; un Piano straordinario per riportare la presenza e la densità della fauna selvatica e dei predatori in equilibrio con il territorio; interventi di contenimento della fauna selvatica nei parchi e nelle aree protette; una profonda revisione delle normative comunitarie, nazionali e regionali, a partire dalla Legge 157/92, per tutelare la biodiversità e dare certezze agli operatori".

 
Enalcaccia Nazionale