Home Approfondimenti News Lazio Ritrovamento dei bambini scomparsi in zona Campo dell'Osso - (03/01/2014)
Ritrovamento dei bambini scomparsi in zona Campo dell'Osso - (03/01/2014) PDF  | Stampa |  E-mail
EnalCaccia-Nazionale Regione Lazio
 

Ritrovamento dei bambini scomparsi in zona Campo dell'Osso - (03/01/2014)
 
 
 
La notizia è apparsa sulle pagine di tutti i giornali e diramata dai telegiornali delle emittenti di tutta Italia.
 
La sera del 31/12/2013 tre persone, una donna di 36 anni Alexia Canestrari e i bambini che accompagnava, Nicole di 4 anni e Manuel di 5, si erano persi nella zona di Campo dell’Osso, località nelle vicinanze di Monte Livata nel comune di Subiaco. Una brutta avventura conclusasi felicemente con il loro ritrovamento.  

Quello che non tutti sanno, ma che vale la pena di raccontare, è che alcuni soci del circolo dell’Unione Enalcaccia P.T. di Vallepietra, Flavio De Santis e Eugenio De Santis, si sono attivati nell’immediato per offrire il loro prezioso contributo, in qualità di cacciatori e soprattutto di profondi conoscitori del territorio.

Il loro apporto ha fatto la differenza per inquadrare esattamente la zona nella quale procedere con le ricerche, grazie alle frammentate notizie riportate dalla donna, trovata verso le ore 05.30 del mattino del primo gennaio, in evidente stato confusionale e con un principio di congelamento.
 
Le poche, confuse, indicazioni sono bastate ai due esperti cacciatori, nonché appassionati della loro montagna, per individuare l’esatta zona nella quale operare le ricerche dei due bambini.

Il ritrovamento è avvenuto verso le ore 11.30 del primo, presso la località ”Fonte delle Vaglie”, sita nel Comune di Vallepietra (RM) e più precisamente nella contrada “fosso dei moralli” quest’ultima confinante con la nota località sciistica sublacense.

Per dovere di cronaca, dobbiamo segnalare che le attività di ricerca si sono svolte interamente nel Comune di Vallepietra e che i minori una volta trovati,  infreddoliti ma sostanzialmente in buone condizioni, sono stati affidati ai sanitari dell’ARES 118 a bordo dell’eliambulanza “Pegaso” e trasportati successivamente presso l’ospedale Gemelli di Roma.

 
Enalcaccia Nazionale