Home Approfondimenti News Umbria Caccia, ecco la bozza di calendario 2013-2014: preapertura il 1 settembre, via il 15 tranne il cinghiale - (15/05/2013)
Caccia, ecco la bozza di calendario 2013-2014: preapertura il 1 settembre, via il 15 tranne il cinghiale - (15/05/2013) PDF  | Stampa |  E-mail
Umbria24.it Regione Umbria
Caccia, ecco la bozza di calendario 2013-2014: preapertura il 1 settembre, via il 15 tranne il cinghiale - (15/05/2013)

Presentata alla consulta faunistico-venatoria. Cecchini: «E' una proposta di equilibrio tra le diverse esigenze».

Preapertura il 1 settembre, apertura il 15 ma per il cinghiale il 3 ottobre. E' quanto prevede la la bozza di Calendario venatorio 2013/2014 illustrata dall'assessore alla caccia, Fernanda Cecchini, alla Consulta regionale faunistico venatoria, riunita in Regione. Presenti all'incontro i rappresentanti delle associazioni venatorie, agricole e ambientaliste, degli "Atc" (Ambiti territoriali di caccia) e delle Province di Perugia e Terni. «La proposta di calendario venatorio 2013-2014 - ha detto Cecchini - è formulata sulla base di quello della stagione appena conclusa e rappresenta una sintesi avanzata tra le diverse esigenze di tutti gli attori che ruotano attorno al mondo venatorio».
 
Le date La proposta di Calendario venatorio prevede la preapertura il 1 settembre, esclusivamente da appostamento,  alle specie  alzavola, marzaiola, germano reale,  tortora,  merlo, colombaccio, cornacchia grigia, ghiandaia e gazza, e l'apertura generale a tutte le altre specie il 15 settembre, ma non al cinghiale per il quale l'attività venatoria partirà il 3 ottobre, anche se le amministrazioni provinciali possono posticipare tale data. La caccia alla lepre sarà consentita dal 15 settembre all'8 dicembre. La caccia di selezione alle specie daino, capriolo, cervo e muflone andrà dal 16 giugno al 14 luglio, dal 18 agosto al 2 ottobre e dal 1 gennaio al 15 marzo 2014.


Equilibrio «La proposta - ha aggiunto Cecchini - rappresenta un punto di equilibrio necessario tra le richieste e le necessità dei diversi soggetti, a cui fa da contrappunto il lavoro che  stiamo  portando avanti nella definizione dei  Regolamenti, con particolare riferimento a quello della caccia al cinghiale. Nella proposta - ha spiegato l'assessore - abbiamo cercato di coniugare la tutela della popolazione faunistica, nel pieno rispetto delle normative nazionali ed europee, la salvaguardia dell'ambiente, della biodiversità e del mondo agricolo. Ma abbiamo anche inteso sostenere l'esercizio legittimo di una attività che, nonostante il decremento degli ultimi anni, continua ad essere praticata in Umbria da una parte numericamente consistente della  popolazione. Sono infatti oltre 30 mila i cacciatori umbri che hanno questa passione e che concorrono, con la loro presenza, a presidiare il territorio. Inoltre - ha aggiunto - l'attività venatoria ha ricadute importanti anche  sull'economia regionale, con un indotto che va dalle aziende faunistiche venatorie, agli agriturismi, alle armerie e negozi specializzati».

Ripopolamento «Relativamente al ripopolamento ed alla selvaggina - ha poi annunciato Cecchini - stiamo per siglare con l'Agenzia forestale regionale e gli ATC una convenzione per la produzione di selvaggina con metodologie innovative nel  Centro di allevamento di San Vito in Monte. Questo consentirà di favorire l'ambientamento della fauna rilasciata per il ripopolamento, in particolare lepri e fagiani».

L'iter La bozza, che raccoglierà eventuali istante delle Associazioni venatorie, ambientaliste ed agricole e delle Province, verrà preadottata dalla Giunta regionale ed inviata all'"Ispra". Sarà quindi sottoposta al parere della terza Commissione del Consiglio regionale prima della definitiva adozione da parte della Giunta regionale. 
 
Enalcaccia Nazionale