Home
Controllo e acquisto armi, l'ANPAM PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Politica Venatoria
ANPAM
Controllo e acquisto armi, l'ANPAM: "Corrette alcune criticità del decreto legislativo ma ci aspettiamo la revisione di alcune norme ingiustamente penalizzanti nell'iter parlamentare di conversione" - (01/07/2013)


ANPAM. Il Consiglio dei Ministri in data 26 giugno ha approvato lo schema di Decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 204/2010 concernente l'attuazione della Direttiva 2008/51/CE che modifica le direttiva 91/477/CEE relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi. 

L'ANPAM, congiuntamente ad Assoarmieri e Conarmi, è stata chiamata a confrontarsi in una sola seduta con il Ministero dell'Interno in occasione dei lavori preparatori, avendo la possibilità di evidenziare le criticità contenute nella prima bozza del decreto che sono state solo parzialmente riviste.
 
Si ritiene pertanto che il decreto legislativo approvato dal CdM continui a presentare gravi lacune che necessitano di una doverosa rivisitazione nel corso del'iter parlamentare. 

L'ANPAM auspica che un confronto sereno sulla tematica faccia prevalere il buon senso per la razionalizzazione di alcune disposizioni che risultano di fatto poco praticabili per l'amministrazione e soprattutto per non penalizzare ingiustificatamente centinaia di migliaia di onesti cittadini. 
 
Circ. n. 13 del 27 giugno 2013 Esito elezioni Assemblea Nazionale - (27/06/2013) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Presidenza Nazionale
EnalCaccia-Nazionale

Circ. n. 13 del 27 giugno 2013 Esito elezioni Assemblea Nazionale - (27/06/2013)


Circ. n. 13 del 27 giugno 2013 Esito elezioni Assemblea Nazionale - (27/06/2013) | Visualizza

 
Sulla aggregazione di tutte le Associazioni Venatorie riconosciute non calza la favola de “il lupo e l’agnello” - (28/06/2013) PDF Stampa E-mail
Approfondimenti - Presidenza Nazionale
EnalCaccia-Nazionale
 
 
Sulla aggregazione di tutte le Associazioni Venatorie riconosciute non calza la favola de “il lupo e l’agnello” - (28/06/2013)

 
Per rendere sempre più forte e rappresentativo il mondo della caccia di fronte alle Autorità politiche e amministrative tutti concordiamo nella aggregazione di tutte le Associazioni Venatorie riconosciute. Ma sul modo di giungere a tale aggregazione sembra non vi sia unanimità di  consensi.

Sono affiorate su un  “blog” frasi ingiuriose o comunque scalmanate contro la dirigenza dell’Enalcaccia che mirerebbe ad una “smania di potere” e ad un “attaccamento alla poltrona” che la indurrebbero a mantenere disgregato l’attuale plurimo associazionismo venatorio.

Chi ha qualche reminiscenza scolastica, ricorderà la celebre favola di Fedro “il lupo e l’agnello”: un lupo, volendosi divorare un agnello, visto alla fonte per abbeverarsi, adduceva pretesti inesistenti per fingere di agire bene.  Così gli disse:  “perché inquini l’acqua che io sto bevendo?” Rispose l’agnello:  “per la verità tu ti trovi sopra di me, quindi l’acqua giunge a me dopo che è passata dalle tue labbra”. Ed il lupo: “ah, è così? Ma dieci giorni fa eri tu che mi inquinavi l’acqua!” Risposta dell’agnello: “Invero non potevo essere io, perché dieci giorni fa non ero ancora nato”. Infuriato il lupo concluse: “Ebbene sarà stato tuo padre” e così dicendo lo inghiottì.  Ma l’Enalcaccia non è un agnellino e non si lascia inghiottire. E’ allora il caso di chiarire la sua posizione rispetto alla propaganda di chi la vuole far apparire  scissionista. 

Basterà al riguardo leggere con un pizzico di attenzione quanto il nostro Presidente Nazionale ha scritto nella rubrica “il punto” dell’ultimo numero di Caccia e Natura distribuito prima della recente Assemblea Nazionale di Tivoli.
Leggi tutto...
 
Abruzzo. 5° Festa Regionale Enalcaccia - (26/06/2013) PDF Stampa E-mail
Notizie dalle Sezioni - Abruzzo
EnalCaccia-Nazionale Regione Abruzzo

Abruzzo. 5° Festa Regionale Enalcaccia - (26/06/2013)



Manifesto 5° Festa Regionale Enalcaccia - (26/06/2013) | Visualizza

Convegno 5° Festa Regionale Enalcaccia - (26/06/2013) | Visualizza

 
Inaugurazione area addestramento cani "la Villa" - (17/06/2013) PDF Stampa E-mail
NEWS - NEWS Toscana
EnalCaccia-Nazionale Regione Toscana
 
Inaugurazione area addestramento cani "la Villa" - (17/06/2013)

Alle pendici del Pratomagno, lungo l’originale tracciato dell’antica consolare romana Cassia Vetus, nei pressi di San Giustino Valdarno, nasce l’Area Addestramento Cani da Ferma e da Cerca Enalcaccia “la Villa”.

In uno scenario primaverile movimentato da un dolce maestrale, sventola la bandiera Enalcaccia, congiuntamente al  tricolore, in occasione dell’inaugurazione della nuova area addestramento cani valdarnese.

Presenti al taglio del nastro, sabato 11 maggio,  i vertici dell’ Enalcaccia aretina, con il Presidente Provinciale Iacopo Piantini e il Vice Presidente Tommaso Romualdi , e, in rappresentanza dell’amministrazione locale, l’Assessore del Comune di Loro Ciuffenna Dott.  Angiolo Favilli, accomunato anch’egli dalla passione venatoria. Doveroso il saluto portato dal  Presidente Provinciale, al termine del  suo  intervento, a nome dell’ Assessore regionale Vincenzo  Ceccarelli, assente per altri impegni  istituzionali sovrapposti. 
Leggi tutto...
 
Il Parco Nazionale del Casentino; la posizione di Enalcaccia: rivederne il regolamento e ridurne i confini - (17/06/2013) PDF Stampa E-mail
NEWS - NEWS Toscana
Parco Nazionale Foreste Casentinesi_it.jpg Regione Toscana
Il Parco Nazionale del Casentino; la posizione di Enalcaccia: rivederne il regolamento e ridurne i  confini - (17/06/2013)

 
 
Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi compie venti anni e, ad un ventennio dalla sua istituzione, l’ organo di  gestione ha ben pensato  di proporre ai  cittadini, alle associazioni di categoria ed alle amministrazioni  comunali interessati, una propria bozza di regolamento che, se approvata, vedrà aumentare abissalmente la distanza tra la popolazione residente e l’ area protetta, in un quadro generale di scetticismo diffuso ed imperante. 

Un parco nazionale che, sostiene Enalcaccia Arezzo, ha prodotto, nel  corso  degli  anni, l’ immobilizzazione di interi territori concepiti nei secoli come paesaggi rurali da sempre funzionali alle economie ed alle tradizioni locali: l’ eccessivo  aumento  delle specie ungulate, causa la spropositata dimensione dei  territori interdetti alla caccia, altro  non ha provocato  che un forte incentivo all’ abbandono  delle attività agroforestali sia all’ interno dell’ area protetta che nelle zone limitrofe, per i danni insostenibili che cinghiali, cervi, daini  e caprioli arrecano alle produzioni agricole; danni che vengono risarciti, per le aree esterne al parco, con il contributo  dei  cacciatori  iscritti agli  A.T.C.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 Succ. > Fine >>

Pagina 131 di 154
Enalcaccia Nazionale